Archivio dei tag Onde d’urto

Onde sonore ad elevata intensità

Tendinopatie acute e da sovraccarico

Dr.Valent no comments

Complessivamente le patologie tendinee o tendinopatie rappresentano circa il 7% di tutte le patologie ed il 45% delle malattie professionali. Nello sportivo costituiscono il 10-15% delle patologie sport specifiche. Esistono fattori di rischio che predispongono alle tendinopatie. Essi sono suddivisi in intrinseci (direttamente correlati al paziente) ed estrinseci (non direttamente

Fascite plantare

Dr.Valent no comments

Per fascite plantare si intende un processo infiammatorio acuto o cronico a carico della fascia plantare. La fascia plantare (o aponeurosi plantare) è una banda fibrosa di tessuto connettivo che origina dalla tuberosità mediale del calcagno, decorre lungo la pianta del piede e si inserisce a ventaglio sulla base delle

Epicondilite

Dr.Valent no comments

L’epicondilite è una tendinopatia inserzionale dei tendini prossimali dei muscoli epicondiloidei del gomito (in particolare il muscolo estensore radiale breve del carpo, meno frequentemente l’estensore comune delle dita ed il supinatore).  L’epicondilite è diffusa non solo ai tennisti (Tennis elbow) ma anche a diverse categorie di lavoratori che sono sottoposti a

Onde d’urto focalizzate (EWST)

Dr.Valent no comments

La terapia con onde d’urto extracorporee focalizzate (ESWT) è una tecnologia sviluppata negli anni ’70 in campo urologico. All’inizio degli anni ’90 è stata poi introdotta in ortopedia e medicina sportiva. Le onde d’urto sono onde acustiche ad alta energia, prodotte da specifici generatori, veicolate attraverso un sistema di trasmissione all’interno

“Eccellente professionista, la persona che ogni assiduo praticante sportivo vorrebbe avere davanti quando un trauma ferma la propria passione. Finché il lavoro mi tratterrà a Modena, sarà il mio riferimento nel suo ambito medico!” Alessio T.

“Estremamente cortese e accurato nella visita, esaustivo nelle spiegazioni, molto professionale – lo consiglio assolutamente!” Cristina G.

Seguimi su

Articoli medici