Archivio dei tag Conflitto femoro-acetabolare

Infiltrazione ecoguidata di anca

Dr.Valent no comments

L’anca è una localizzazione frequente di osteoartrosi. La coxartrosi determina dolore e limitazione funzionale ingravescenti e nelle forme più avanzate può essere piuttosto invalidante, tanto da necessitare l’intervento di artroprotesi. La viscosupplementazione dell’anca con acido ialuronico a medio-alto peso molecolare, analogamente a quello che succede per il ginocchio, si è

Conflitto femoro-acetabolare (FAI)

Dr.Valent no comments

La sindrome da conflitto femoro acetabolare (o FAI, femoro-acetabular impingement) è una patologia dell’anca di recente acquisizione che consiste in una non perfetta conformazione di acetabolo e/o testa femorale, che determina un conflitto tra le due componenti durante la normale escursione articolare. Questo conflitto porta ad un progressiva lesione del

Anca dolorosa

Dr.Valent no comments

L’articolazione dell’anca (coxofemorale) è l’articolazione prossimale dell’arto inferiore e ha la funzione di orientarlo su tutti i piani dello spazio. È costituita dalla componente acetabolare prossimale che si articola inferiormente con la testa femorale. La coxofemorale è un enartrosi a 3 gradi di libertà, più stabile ma con movimenti meno

Pubalgia

Dr.Valent no comments

La pubalgia o Groin Pain è un dolore che prende origine nella complessa regione anatomica dell’inguine. Alcuni autori (Jarvinen et Al, ’97) identificano 72 possibili cause di dolore inguinale. La sindrome retto-adduttoria è una delle forme più frequenti di pubalgia. Questa patologia consiste in una tendinopatia inserzionale, di origine microtraumatica, a carico dei muscoli adduttori

“Eccellente professionista, la persona che ogni assiduo praticante sportivo vorrebbe avere davanti quando un trauma ferma la propria passione. Finché il lavoro mi tratterrà a Modena, sarà il mio riferimento nel suo ambito medico!” Alessio T.

“Estremamente cortese e accurato nella visita, esaustivo nelle spiegazioni, molto professionale – lo consiglio assolutamente!” Cristina G.

Seguimi su

Articoli medici